Associazione Giovanni Danieli

Associazione onlus Giovanni Danieli
Comunità educative, case famiglia e gruppi appartamento per minori
Vai ai contenuti
Se vuoi fare volontariato, tirocinio, stage o per un colloquio contattaci



Disponibile su richiesta l'aggiornamento D.V.R. rischio biologico
L’Associazione onlus Giovanni Danieli fondata nel 2005, dispone  di una equipe socio – pedagogica , avendo dato la loro disponibilità a svolgere compiti professionali di tal genere nella misura richiesta dalle esigenze di gestione della Casa . Essa è infatti costituita nel suo assetto gestionale da:
a) Responsabile
• gestisce la Comunità per gli aspetti organizzativi;
• gestisce in collaborazione con il coordinatore il personale aziendale e cura i rapporti con gli Enti istituzionali in materia di lavoro;
• cura, in collaborazione con il coordinatore, i rapporti con l’Autorità Giudiziaria, i Servizi Sociali, i Comuni, le famiglie e le agenzie educative territoriali;
• gestisce i reclami dei clienti e definisce le azioni di miglioramento.
b) Coordinatore
• redige il Progetto Generale del Servizio;
• esercita la supervisione su tutte le attività che impattano direttamente o indirettamente sulla salute dei minori ospitati;
• gestisce le procedure di accesso e dimissione;
• convoca l’equipe pluriprofessionale;
• pianifica la formazione e l’aggiornamento professionale di tutto il personale.
•controlla le cartelle personali dei minori;
• prepara, gestisce ed archivia tutti i moduli di registrazione degli utenti.
• redige il Progetto Educativo e la Relazione di Esito;
• provvede a periodici colloqui con gli ospiti della comunità;
• segue il percorso di socializzazione dei minori attraverso l’osservazione degli stessi e delle dinamiche comportamentali che si instaurano;
• cura i rapporti con le famiglie insieme al responsabile;

c) Impiegato Amministrativo
L’Impiegato Amministrativo ha le seguenti responsabilità:
• cura gli aspetti finanziari e i rapporti con le banche;
• provvede agli adempimenti amministrativi e contabili della Comunità;
• svolge le funzioni di segreteria amministrativa;
• collabora con il coordinatore responsabile nella gestione del personale;
• si preoccupa della comunicazione delle rette e della loro riscossione;
• provvede agli obblighi derivanti dal D. Lgs. n° 626/94 (sicurezza) avvalendosi anche di consulenti esterni;

d) Educatore
L’Educatore le seguenti responsabilità:
• osserva, conosce e valuta, con gli specifici strumenti della professione, il minore nella sua realtà oggettiva, nella sua storia e nelle sue istanze evolutive, analizza i bisogni e rileva le risorse del contesto familiare e socio-ambientale.
• progetta, gestisce, realizza e verifica, gli interventi educativi finalizzati al raggiungimento di obiettivi di riabilitazione psico-sociale;
• contribuisce a promuovere e ad organizzare la presa in carico sociale e riabilitativa del minore;
• opera nel contesto delle relazioni di rete per favorire l’accoglienza e la gestione dei ragazzi accolti in comunità.
e) Assistenti
Gli Assistenti hanno le seguenti responsabilità:
• assistono il minore nelle sue attività quotidiane preoccupandosi dell’accudimento personale e delle attività (gioco, studio, ecc.);
• osservano il minore e le sue relazioni comunicando le proprie impressioni all’educatore;
• assistono l’educatore nel perseguimento degli obiettivi educativi definiti nel Progetto Educativo Individuale.


f) Servizi ausiliari
Gli addetti alla cucina e ai servizi operano a supporto delle unità psico-socio-educative, facendosi carico dei servizi “interni” della Comunità, quali:
• pulizie e igienizzazione di locali e attrezzature;
• preparazione dei pasti;
• servizi tecnici.
g) Supervisore
Il supervisore è uno psicoterapeuta esterno che incontra gli Educatori con cadenza orientativamente bimestrale dando loro modo di esprimere fatti, opinioni, preoccupazioni, riflessioni e proposte rispetto a un caso  o ad un tema, per poi offrire una restituzione professionale che apre ad altri punti di vista e adaltre riflessioni.
La supervisione accoglie anche importanti momenti di formazione  intesa sia come nozioni teoriche, sia come nozioni pratiche provenienti da contesti di intervento diversi.
h) Il DPO, Data Protection Officer - in italiano RPD, Responsabile della Protezione dei Dati – è la nuova figura introdotta dal GDPR e che ha la funzione di affiancare titolare, addetti e responsabili del trattamento affinché conservino i dati e gestiscano i rischi seguendo i princìpi e le indicazioni del Regolamento europeo.
Il DPO è quindi un consulente tecnico e legale, con potere esecutivo. Infatti, il suo ruolo è doppio, perché non solo consiglia e sorveglia, ma funge anche da tramite fra l’organizzazione e l’autorità.
I suoi compiti sono indicati in maniera puntuale nel GDPR all’articolo 39 e sono essenzialmente tre: informare, sorvegliare e cooperare.
i) Il medico del lavoro:  convenzionare un medico del lavoro convenzonato  e competente per la sicurezza e  la salute sul luogo di lavoro
Associazione onlus Giovanni Danieli - via Zara, 35 - 35134 Padova
Tel: 049618081 - email: segreteriadanieli@gmail.com - Pec: amm.ne_danieli@pec.libero.it
Torna ai contenuti